lunedì 17 aprile 2017

8 marzo nell'altro emisfero (per la serie: semafori)

8 marzo a Melbourne: semaforo al femminile contro i pregiudizi

L’iniziativa si chiama “Equal Crossing” ed è stata avviata in maniera sperimentale nella città australiana. Qui, in alcune vie, come icone luminose che orientano i pedoni, non ci sono più i classici omini, ma figure di donna.

Ecco alcune foto:



giovedì 13 aprile 2017

dal linguaggio di genere alla prevenzione del femminicidio

ci fa piacere pubblicare anche questa notizia che esce - giustamente! - in contemporanea a quella sul linguaggio di genere pubblicata poco fa:

Dal Consiglio comunale di Firenze
Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità  la Risoluzione "Azioni per contrastare il femminicidio" proposta da Donella Verdi, Tommaso Grassi e Giacomo Trombi del Gruppo Firenze Riparte a Sinistra.
"Visto il dilagare del fenomeno della violenza maschile sulle donne, i dati allarmanti forniti dall'ISTAT ma, sottostimati poiché la violenza domestica e molto difficile da far emergere, occorrono – afferma Donella Verdi – provvedimenti strutturali che diano piena applicazione alla Convenzione di Istanbul, ratificata dall'Italia nel 2013 agendo sull'educazione, la formazione e la prevenzione e inserendo l'educazione sessuale e affettiva nelle scuole di ogni ordine e grado applicando il Codice Polite ai contenuti dei libri di testo.
Nella Risoluzione, tra le altre cose – aggiunge Donella Verdi – si chiede al al Governo di mettere a disposizione i fondi previsti dalla Legge 119 del 2013 sul femminicidio per il Piano Straordinario contro la violenza alle donne, di aumentare le risorse per case rifugio e centri antiviolenza, adeguata formazione a chi opera nel settore e risorse per la protezione alle donne che denunciano".

10/04/2017 Linguaggio di genere in tutti i regolamenti del Comune di Firenze

Approvata deliberazione presentato dal gruppo Firenze Riparte a Sinistra
Il Consiglio comunale ha approvato oggi, con 27 voti a favore e 2 contrari (a favore: FRS, PD, MDP, La Scaletti - Firenze Viva, Cinque Stelle, Misto; Contrari: Forza Italia), la deliberazione di modifica dello Statuto proposta dal Gruppo consiliare di Firenze Riparte a Sinistra (Donella Verdi, Tommaso Grassi e Giacomo Trombi), atto che introduce il linguaggio di genere in ogni nuovo regolamento e l'adeguamento degli altri al momento in cui si introduca qualunque modifica.
Questa delibera – spiega la consigliera di Firenze riparte a sinistra Donella Verdi – ha l'intento di dare seguito, come già  fatto in fase di riscrittura del Regolamento del Consiglio comunale, al prezioso lavoro sulla parità di genere fatto nella precedente consiliatura per volontà del Comitato e Commissione per le Pari Opportunità.
Un lavoro che ha portato all'adozione delle "Linee Guida per l'uso del genere nel linguaggio amministrativo", anche grazie alla fondamentale collaborazione dell'Accademia della Crusca, che la nostra Città  ha l'onore di ospitare, dell'Università di Firenze e Modena e della Professoressa, esperta linguista, Cecilia Robustelli.
Si tratta del primo progetto di questo genere in Italia e offre un concreto punto di riferimento per l'adeguamento del linguaggio di genere nei testi dell'amministrazione pubblica, con lo scopo di adottare un linguaggio non discriminante, che valorizzi la presenza e il riconoscimento delle donne e che garantisca un linguaggio rispettoso dell'identità di genere, ma mantenendo allo stesso tempo la chiarezza dei testi.
E' un ulteriore fondamentale passo per uscire dalla parità  come omologazione al modello maschile, nonostante che le donne ricoprano, ormai, ogni genere di carica, istituzionale e professionale, ma restando troppo spesso nascoste in un linguaggio grammaticalmente tutto al maschile, che di fatto le rende invisibili.Nonostante tutto questo lavoro, però, sono ancora forti le resistenze ad adattare il linguaggio alla nuova realtà  sociale e si continua a definire le donne grammaticalmente al maschile: una donna può essere "incinta" ma resta sempre "ministro". Si dice che ci sono argomenti più importanti per cui le donne dovrebbero battersi o c'è chi lamenta la bruttezza delle declinazioni. Eppure maestra, infermiera, cuoca, modella, lavandaia, commessa, segretaria non suscitano stupore, ma son certa che creerebbe molto stupore dire "sindaca" o "ministra" rivolgendosi a un uomo. E quindi si tratta non di una ragione linguistica, ma una ragione di tipo culturale.
E' necessario, come ci sta indicando l'Accademia della Crusca – conclude la consigliera di Firenze riparte a Sinistra Donella Verdi – andare incontro anche a questo necessario cambiamento culturale attraverso l'evoluzione della lingua. Perché un uso della lingua italiana consapevole non è elemento secondario al raggiungimento dei diritti e alle grandi battaglie, ma ne è parte essenziale, perché contribuisce a rappresentare con le nostre parole il riconoscimento pieno delle donne nella società  e nella cittadinanza. (s.spa.)

domenica 9 aprile 2017

semafori a Londra (l'anno scorso)

Nel 2016 a Londra (area di Trafalgar Square) sono apparse queste figurine nei semafori (ovviamente verdi!) di Londra, per raffigurare le diversità di orientamento sessuale (ma c'è anche il simbolo transgender).

https://www.londradavivere.com/news/curiosita-news/i-semafori-di-londra-omaggiano-le-diversita-sessuali-in-occasione-del-pride-in-london/

giovedì 9 febbraio 2017

Car* tutt*,
è con dispiacere che dobbiamo comunicarvi che da gennaio 2017 il Gruppo “il sessismo nei linguaggi” della Casa della Donna di Pisa di cui questo blog era la vetrina ha interrotte le proprie attività. Dopo tanti anni di impegno non eravamo più nella possibilità di intraprendere nuove iniziative né di portare avanti con cura quelle già in corso.
Convinte che quanto seminato negli anni da questo Gruppo dia nel tempo buoni frutti ringraziamo tutte le persone che nei modi più diversi hanno collaborato con noi.
Abbiamo deciso di non cancellare questo Blog perché è un prezioso archivio di dati, documenti, foto utili e consultato per interesse, ricerche, tesi ecc.
Appena possibile aggiorneremo alla nuova situazione alcune scritte che ancora appaiono sul Blog.
Rimane attivo anche l’indirizzo mail al quale potete continuare a scrivere. Compatibilmente con le proprie disponibilità alcune di noi risponderanno alle mail e aggiorneranno il Blog.
Ci auguriamo che nascano tanti altri gruppi su questo tema ancora poco valorizzato ma secondo noi di fondamentale importanza nella variegata opposizione al patriarcato!
Ci siamo anche molto divertite 😀

giovedì 12 gennaio 2017

...eppur si muove!!


vi mostriamo come l'Ufficio Anagrafe del Comune di Pisa, pensiamo anche grazie al nostro intervento, in due anni ha cambiato qualcosa....

prima:
...e dopo:

 EVVIVA! un primo passo importante...



lunedì 19 dicembre 2016

Care tutte, sabato 10 dicembre, come era stato annunciato, il gruppo “il sessismo nei linguaggi” ha tenuta alla Casa della Donna l’ultima riunione del 2016.
Eravamo poche ma tutte sempre più convinte dell’utilità del nostro lavoro specialmente ora che finalmente da più parti il tema del linguaggio discriminante si sta diffondendo con reazioni positive e negative sia da alte cariche dello Stato (v. Mattarella e Napolitano) che dalla gente comune.
Chiudiamo le attività di questo anno con un ultimo piccolo ma significativo risultato. L’ufficio anagrafe del comune di Pisa, dopo nostra segnalazione, ha cambiato sulla carta di identità cartacea un timbro non rispettoso delle differenze di genere. Troverete quanto prima tutta la documentazione su questo blog!
Per il 2017 proponiamo di incontrarci una volta al mese e di partecipare con i nostri contenuti alle attività del marzo delle donne 2017.
Appena stabilita la data del primo incontro del prossimo anno lo comunicheremo. Vi invitiamo intanto di nuovo ad aprire e a collaborare con il nostro blog, a lasciare segnalazioni e commenti, a proporci vostre autonome iniziative e ad informare altre donne che pensate possano essere interessate a questo nostro gruppo.
BUONE FESTIVITA’ 2016/2017